Responsive image
Vaddey Ratner

All'ombra del baniano

Romanzo

Traduzione di Pietro Ferrari

in-Asia/Cambogia
2021, pp. 392, 12,5x20,5cm

ISBN: 9788869680724
€ 19,50
In uscita In uscita In uscita
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Raami ha sette anni quando il 17 aprile 1975 i khmer rossi entrano a Phnom Penh inaugurando la pagina più tragica della storia della Cambogia.
Figlia di un poeta, principe di sangue reale, Raami vive nell’agio circondata dall’affetto della sua ampia famiglia, ma nel giro di poche ore la sua esistenza e quella di un intero popolo vengono stravolte. Phnom Penh viene evacuata e ha inizio la deportazione nelle campagne per la rieducazione.
Durante i successivi quattro anni del nuovo regime, Raami dovrà affrontare lo sradicamento, la progressiva scomparsa dei familiari, atrocità e privazioni quotidiane. Eppure, anche in un Paese ridotto a un grande campo di concentramento, in un mondo che sopprime ogni traccia di bellezza e di umanità, la piccola protagonista trova una salvifica via di fuga nell’immaginazione, alimentata dalle storie piene di poesia, miti ed esempi morali che un tempo le raccontava il padre.
Vaddey Ratner, attingendo alla sua esperienza autobiografica, attraversa l’inferno rivoluzionario della Kampuchea Democratica con gli occhi e la fragile grazia di una bambina privata dell’infanzia, e ci fa dono di un’indimenticabile storia di coraggio e resistenza.

Autore

Vaddey Ratner

È nata in Cambogia nel 1970 in una famiglia imparentata con la casa reale. All’età di cinque anni, dopo la presa del potere dei khmer rossi, viene inviata insieme alla famiglia nei campi di lavoro. Dopo quattro anni lei e la madre riescono a fuggire in Thailandia. Durante gli ultimi mesi vissuti sotto i khmer rossi smette di parlare: “Ho scelto di essere muta perché non potevo parlare di ciò di cui ero testimone”. Nel 1981, raggiunge gli USA stabilendosi prima in Missouri e poi in Minnesota. Si laurea alla Cornell University in Storia e Letteratura del Sudest asiatico. All’ombra del baniano, il suo primo libro, è stato tradotto in diciassette lingue. Finalista al PEN/Hemingway Award 2013, il romanzo è stato premiato all’Indies Choice Book Award ed è entrato nella selezione dell’inserto letterario del «New York Times».