Responsive image
Robert van Gulik

Poeti e assassini

Traduzione di A. M. Francavilla

in-Asia/Gialli
2013, pp. 210, 12.5x20.5cm

ISBN: 9788897332626
€ 12,00 -20% € 9,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 9,60
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Sinossi

In questo dodicesimo romanzo del ciclo di Van Gulik, il giudice Dee, il più grande detective della Cina del VII secolo è alle prese con un intricato caso di omicidio nel distinto ambiente dei letterati. Alla vigilia della Festa di Metà Autunno, uno studente dai modi gentili viene trovato assassinato: corre voce che a ucciderlo sia stato un demone-volpe.Poche ore dopo, durante una fastosa cena in casa del magistrato, una giovane danzatrice muore mentre si sta preparando per andare in scena davanti agli illustri ospiti della serata: un monaco Zen famoso per la sua calligrafia, una bellissima poetessa e l'ex rettore dell'accademia imperiale.
Nel tentativo di trovare un nesso tra i recenti crimini, l'intricata rete di tradimenti e gli eventi passionali delle decadi passate, il giudice Dee dovrà persino far visita a un bordello di alta classe e introdursi nello spettrale reliquiario della Volpe Nera.

Autore

Robert van Gulik

(Olanda, 1910-1967). È considerato lo scopritore del giallo cinese. Trascorre l'infanzia a Giava, si specializza in sinologia all'Università di Leiden e, dopo aver conseguito il dottorato in Filosofia a Utrecht, intraprende la carriera diplomatica in India, Cina, Giappone, Malesia, in Africa e negli Stati Uniti. Tornato in Cina nel 1943, sposa una ragazza di una nobile famiglia di mandarini. “Un uomo occidentale con il cuore orientale”: fine sinologo e scrittore, calligrafo, musicista e antropologo, conosce alla perfezione varie lingue occidentali, asiatiche e africane. Oltre ai suoi numerosi romanzi gialli, ha lasciato alcuni importanti studi sulla civiltà cinese tra i quali Erotic colour prints of the Ming period e La vita sessuale nell'antica Cina (Adelphi).