Responsive image
Robert van Gulik

I delitti della campana cinese

I casi del giudice Dee

Traduzione di Mariapaola Dèttore

in-Asia/Gialli
2013

ISBN: 9788897332459
€ 12,00 -20% € 9,60
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 9,60
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Sinossi

Al suo primo giorno da magistrato nel distretto di Poo-Yang, il giudice Dee si imbatte nel delitto di via della Mezza Luna, lasciato irrisolto dal predecessore nei suoi lati più oscuri: la bella e giovane Pura Giada viene trovata uccisa nella sua camera e lo studente Wang, suo amante, è il maggiore indiziato. Il ricco tempio buddista dell'Infinita Misericordia, dove la statua della dea Kwan Yin dona fecondità alle donne più devote, insospettisce il fedele aiutante del giudice e lo spinge a far luce sui misteri che lo avvolgono. Nel frattempo, un'antica faida tra due famiglie del distretto conduce il magistrato Dee sulle piste del losco passato di un commerciante cantonese.

Autore

Robert van Gulik

(Olanda, 1910-1967). È considerato lo scopritore del giallo cinese. Trascorre l'infanzia a Giava, si specializza in sinologia all'Università di Leiden e, dopo aver conseguito il dottorato in Filosofia a Utrecht, intraprende la carriera diplomatica in India, Cina, Giappone, Malesia, in Africa e negli Stati Uniti. Tornato in Cina nel 1943, sposa una ragazza di una nobile famiglia di mandarini. “Un uomo occidentale con il cuore orientale”: fine sinologo e scrittore, calligrafo, musicista e antropologo, conosce alla perfezione varie lingue occidentali, asiatiche e africane. Oltre ai suoi numerosi romanzi gialli, ha lasciato alcuni importanti studi sulla civiltà cinese tra i quali Erotic colour prints of the Ming period e La vita sessuale nell'antica Cina (Adelphi).

Recensioni
Materiali

Il giudice Dee al suo primo giorno da magistrato nel distretto di Poo-yang studia con scrupolo i casi lasciati irrisolti dal suo predecessore. Tra questi c'è quello di Pura Giada, una bella ragazza di diciannove anni trovata strangolata nella sua cameretta.