Responsive image
Liu Qingbang

Legno sacro

Traduzione dal cinese di Barbara Leonesi

In-Asia/Cina
2012

ISBN: 9788897332206
€ 13,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 13,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Un romanzo crudo e realistico ambientato nel mondo delle miniere cinesi di carbone, un settore lucrativo ai confini della legalità, basato sull'assenza di sicurezza e sullo sfruttamento di milioni di contadini che cercano di sfuggire alla miseria. I due minatori Song Jinming e Tang Zhaoyang hanno imparato negli anni a trarre profitto da questo perverso sistema. Adescano i braccianti con la promessa di un lavoro, si presentano al padrone di una cava clandestina dichiarandosi parenti, poi una volta scesi nel pozzo simulano un incidente mortale e riscuotono il risarcimento per la perdita del familiare.
Ma con il giovane Wang Feng qualcosa sembra andare storto. Così come nei neri pezzi del carbone si cela un'anima, sepolti sotto il più duro cinismo forse sopravvivono ancora dei sentimenti umani.

L'AUTORE

Autore

Liu Qingbang

Dopo nove anni di lavoro in miniera, diventa giornalista per il «China Coal Report» e inizia a pubblicare romanzi ispirati a vicende reali ambientate nelle miniere e nelle campagne della Cina contemporanea. È vicepresidente dell'Associazione Scrittori della città di Pechino. Con Legno sacro ha vinto il premio Lao She nel 2002. Da questo romanzo Li Yang ha tratto il film Blind Shaft, Orso d'argento al Festival del Cinema di Berlino nel 2003.

Recensioni
Amirilli Novel, Mangialibri, 27/11/2012

Legno sacro

Popoli, 04/05/2012

Storie d'Asia

Barbara De Amicis, Leggere:tutti, 02/05/2012

La vita nelle miniere cinesi

Elettra Cesarin, Quaderni asiatici, 05/04/2012

Legno sacro

Marie-José Hoyet, Le Monde Diplomatique - Il manifesto, 02/04/2012

Legno sacro

Brunella Schisa, Il Venerdì, 16/03/2012

Legno sacro

Materiali

“Legno sacro” è il nome con cui i minatori cinesi chiamano il carbone, materia prima alla cui estrazione ogni anno vengono immolate migliaia di vite umane Il romanzo esplora il mondo delle miniere, una realtà “sotterranea” spesso al limite della legalità, di cui troppo poco si parla, anche nella stessa Cina.