Responsive image
Dhondup Gyal

Il fiore vinto dal gelo
L'artista tibetano

Racconti

Traduzione di Maurizio Gatti

In-Asia/Tibet
2022, pp. 128, 12,5x20,5cm

ISBN: 9788869681196
€ 14,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 14,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Altre edizioni
Sinossi

Vengono qui proposti due racconti particolarmente rilevanti dello scrittore Dhondup Gyal che nei primi anni Ottanta ha contribuito più di ogni altro al rinnovamento della letteratura tibetana.
Il fiore vinto dal gelo è riconosciuto come “la grande storia d’amore” della narrativa tibetana contemporanea. Il racconto mette in scena un confronto tra tradizione e modernità intorno alla pratica, ancor oggi diffusa in Tibet, del matrimonio combinato, caratterizzandosi per una costruzione abile e originale. Ciascuna delle sette parti in cui è suddiviso esprime il punto di vista di un personaggio diverso: testimonianze spesso discordanti che si incastrano tra loro rivelando i veri moventi delle azioni e i tragici fraintendimenti.
Ne L’artista tibetano l’autore si contrappone all’imposizione delle autorità cinesi di veicolare esclusivamente messaggi sociali nelle opere letterarie e attinge a sentimenti umani universali raccontando un controverso rapporto tre padre e figlio all’interno della rinomata comunità artistica dei pittori di thangka della contea di Rebkong.

Autore

Dhondup Gyal

(1953-1985). Figlio di contadini tibetani, trascorre l’adolescenza durante la Rivoluzione Culturale. Nel 1973 è ammesso a studiare all’Istituto delle Nazionalità di Pechino, specializzandosi in storia e letteratura tibetana. Nel 1981 è il primo autore di racconti in lingua tibetana a venire pubblicato in Cina. Considerato il fondatore della “nuova poesia tibetana”, con il poema La cascata della giovinezza influenza un’intera generazione di giovani tibetani spingendola a ricercare nuove modalità espressive al di là dei formalismi della tradizione. Nei primi anni Ottanta pubblica numerosi racconti e saggi su riviste letterarie. Muore suicida nel 1985 a soli trentadue anni, lasciando un testamento in cui incoraggia il popolo tibetano a risvegliarsi. Oggi è il più celebre scrittore tibetano contemporaneo, nonché un eroe nazionale.