Responsive image
Robert van Gulik

Il delitto
allo stagno dei loti

I casi del giudice Dee

Traduzione dall'inglese di Pietro Ferrari

in-Asia/Gialli
2020

ISBN: 9788869680823
€ 1,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

“Questo caso risale all’anno 667 d.C., nell’antica cittadina di Han-yuan, sorta sulle sponde di un lago vicino alla capitale. Là il giudice Dee dovette risolvere l’assassinio di un anziano poeta che si era ritirato a vivere nella sua modesta proprietà dietro il Quartiere dei Salici, dimora di cantanti e cortigiane. Il poeta era stato ucciso mentre contemplava serenamente la luna dal padiglione del suo giardino, posto al centro di uno stagno cosparso di loti. Del fatto non c’erano testimoni, o così pareva.”

Un’avvincente short story di Robert van Gulik che si colloca temporalmente tra I delitti del lago cinese e Il monastero stregato all’interno della serie “I casi del giudice Dee”.

Autore

Robert van Gulik

(Olanda, 1910-1967). È considerato lo scopritore del giallo cinese. Trascorre l'infanzia a Giava, si specializza in sinologia all'Università di Leiden e, dopo aver conseguito il dottorato in Filosofia a Utrecht, intraprende la carriera diplomatica in India, Cina, Giappone, Malesia, in Africa e negli Stati Uniti. Tornato in Cina nel 1943, sposa una ragazza di una nobile famiglia di mandarini. “Un uomo occidentale con il cuore orientale”: fine sinologo e scrittore, calligrafo, musicista e antropologo, conosce alla perfezione varie lingue occidentali, asiatiche e africane. Oltre ai suoi numerosi romanzi gialli, ha lasciato alcuni importanti studi sulla civiltà cinese tra i quali Erotic colour prints of the Ming period e La vita sessuale nell'antica Cina (Adelphi).