Responsive image
Jean-Luc Coatalem

Suite indocinese

Carnet di viaggio in Vietnam

Traduzione di Giulia Masperi

Occidente_Oriente
2020, pp. 144, 12,5x20,5cm

ISBN: 9788869680816
€ 16,00
In uscita In uscita In uscita
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Nei primi anni Novanta, il Vietnam comunista è in un momento cruciale della sua storia, con l’apertura al turismo e ai nuovi scenari geopolitici.
Jean-Luc Coatalem parte alla scoperta di questo Vietnam e porta con sé le ombre tutelari del nonno Camille e dello zio René, ufficiali dell’esercito francese tra gli anni Venti e Cinquanta nelle colonie indocinesi. Questa dimensione intima e privata si intreccia all’osservazione acuta di un Paese vitale e seducente, che suscita in lui sentimenti contrastanti.
Risalendo il Vietnam da sud a nord, Coatalem ci rende partecipi di luoghi, incontri, personaggi, situazioni rocambolesche, abiti, odori, voci, creando un susseguirsi di immagini istantanee che nel loro insieme restituiscono il sapore di un Paese ancora poco avvezzo ai visitatori.
Tra sonorità poetiche e riflessioni venate di un’ironia pungente, questo carnet di viaggio trasmette un punto di vista unico sul futuro del Paese e sui quattromila anni di storia e tradizioni che cominciano a fondersi nel processo di globalizzazione in atto.
Suite indocinese, giunto in Francia alla terza edizione, è qui arricchito da un testo inedito dell’autore.

Autore

Jean-Luc Coatalem

Jean-Luc Coatalem (Parigi, 1959) è scrittore, saggista e giornalista di viaggio. Nato in una famiglia di ufficiali militari, trascorre l’infanzia in Polinesia e l’adolescenza in Madagascar. Rientrato a Parigi, lavora nel mondo editoriale e scrive per «Le Figaro Magazine», «Vogue», «Géo». I suoi romanzi e reportage vengono tradotti in diverse lingue e ottengono importanti riconoscimenti letterari (Prix des Deux Magots per Je suis dans les mers du Sud, 2001; Prix Roger Nimier per Le Gouverneur d’Antipodia, 2012; Prix de la langue française e Prix Femina essai per Mes pas vont ailleurs, 2017; Grand Prix Jean-Giono per La Part du fils, 2019).