Responsive image
Soth Polin

L'anarchico

Traduzione di Alessandro Giarda

in-Asia/Cambogia
2019, pp. 256, 12,5x20,5 cm

ISBN: 9788869680595
€ 16,00
In uscita In uscita In uscita
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Per la prima volta tradotto in Italia il romanzo di culto di Soth Polin, uno dei pochi scrittori cambogiani sopravvissuti al periodo dei Khmer rossi.
L’anarchico si articola in due parti, una originariamente in lingua khmer e l’altra in francese, scritte a distanza di dodici anni, intervallo di tempo in cui si consuma l’annientamento della Cambogia ad opera di Pol Pot. Il filo conduttore è l’esplorazione della pulsione distruttiva insita nella natura degli individui e delle masse, attraverso un intreccio inestricabile di autobiografia e finzione, filosofia e politica.
La prima parte racconta la giornata di un intellettuale cambogiano che in un crescendo di dissolutezza e nichilismo si conclude in tragedia. La seconda è il monologo/confessione che il tassista Virak – un ex giornalista cambogiano rifugiatosi a Parigi dopo aver compiuto una vendetta politica che teme abbia accelerato la rovina del suo paese – rivolge alla passeggera morta nell’incidente stradale da lui provocato.
Per mezzo di una scrittura cruda e corrosiva dalla forte carica provocatoria, Soth Polin fa luce sulla storia recente della Cambogia, sui meccanismi dei media collusi con le più alte sfere del potere e su ciò che di perverso e di violento alberga nell’animo umano.

Autore

Soth Polin

Soth Polin nasce in Cambogia nel 1943. Parla francese e khmer e si forma tanto sui classici della letteratura cambogiana quanto sulla letteratura e sulla filosofia occidentali. Profondamente influenzato da Nietzsche, Freud, Sartre e dal buddismo inizia a pubblicare i suoi primi racconti nel 1965. Verso la fine degli anni ‘60 fonda il quotidiano nazionalista «Nokor Thom» e si schiera contro Sihanouk e i comunisti, appoggiando il generale Lon Noi fino al 1974, quando in seguito all’assassinio dell’amico Tchach Chea, viceministro all’Educazione, lascia il paese rifugiandosi in Francia. A Parigi lavora come tassista e pubblica il romanzo L’anarchico. Attualmente risiede nella West Coast degli Stati Uniti.